Grandi lavori ad agosto nello stabilimento di Crevalcore

 

Durante la pausa di agosto, oltre ai consueti lavori di manutenzione, nello stabilimento di Crevalcore è stato portato a termine un intenso piano di investimenti.

L’intervento principale ha riguardato il rifacimento del fondo linea dove, come nello stabilimento di Montorso Vicentino, si è adottata la logica della linea continua. Invece di macchine autonome, all’uscita del tamburo si trovano ora l’impianto di raffreddamento terre, la smaterozzatura e la sabbiatrice, il tutto in continuo: una modalità di lavoro che permette di snellire i processi e di migliorare i tempi di produzione.

A servizio del fondo linea, sono stati installati due nuovi impianti di aspirazione e filtraggio, molto più potenti dei precedenti, con l’obiettivo di garantire i migliori standard di qualità sia per l’ambiente di lavoro che per l’impatto esterno.

Anche per la nuova cabina elettrica che alimenta i nuovi impianti, sono stati considerati attentamente i consumi e le opportunità di risparmio energetico, in linea con la Certificazione energetica con cui Fonderie di Montorso ha implementato il suo sistema di gestione integrato.

Oltre al layout dell’azienda, è stata modificata la logistica del flusso dei materiali. È stato infatti predisposto un nuovo accesso per i mezzi di trasporto, sia per il ricevimento delle merci sia per il magazzino e il deposito materie prime.

I lavori sono proseguiti alacremente per tutto agosto e il 27, alla ripresa della produzione, si era nuovamente operativi.

Il 6 settembre è uscito sul Resto del Carlino un articolo in cui il sindaco di Crevalcore, Claudio Broglia, ha espresso la sua soddisfazione per i grandi investimenti che Fonderie di Montorso sta attuando nello stabilimento di Crevalcore. Il primo cittadino ha voluto sottolineare come si tratti di un’importante valorizzazione del territorio, come dimostrano le 50 assunzioni nel giro di due anni, ed in particolare che gli investimenti non vanno solo nella direzione di aumentare la produzione ma anche in quella di molto migliorare la qualità dell’ambiente di lavoro e minimizzare l’impatto ambientale.

 

 

Articolo da Il Resto del Carlino 06-09-18

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.
UA-56836682-1